Passa ai contenuti principali

Baby girl & baby boy - una storia anni '80


Ecco "Baby Girl & Baby Boy" sono due Torèt in ceramica e fanno parte della mia recente produzione.


Baby Girl & Baby Boy in un'esposizione al Ristorante Solferino a Torino

Sono nati per caso. 
Non ho studiato a tavolino tutto il pippone che se avrete voglia di leggere, vi ammorberà con le miei fisime sulla distinzione di genere.

In breve ho scambiato per errore le didascalie e mi sono accorto che sarebbe stato sbagliato assegnare il rosa a "Baby Girl" e viceversa. Da questo capriccio è nata l'opera composta dai due fratellini polemici.

Perchè? Beh, questo è uno di quei nanetti (aneddoti a casa mia) che rappresentano la forza del marketing, della narrazione e di come si possa cambiare la storia in poco tempo ma quel che è peggio: "Cambiando anche i ricordi della gente...". 

Sono nato negli anni '70 e per fare un controllino chiedo a mia madre, oggi ottantenne, di che colore fossi vestito al mio battesimo o comunque di quale colore solesse vestirmi.

La risposta mi ha lasciato qualche dubbio: "Di azzurro! Tutti i maschi vestivano di azzurro e tutte le femmine di rosa... mica ti mandavo in giro vestito da bambina!".

E invece no! Sono andato a prendermi le foto, che allora iniziavano ad essere a colori e ho scoperto un paio di cose: la prima è che molti bambini (maschi) neonati erano vestiti di rosso e la seconda di non vedere il rosa da nessuna parte, le prime foto, di mia sorella, con abiti rosa le ho poi trovate sfogliando gli album, più di dieci anni dopo.

Negli anni 80 infatti, avvenne una vera e propria rivoluzione dei colori. Le riviste di moda, i produttori di stoffe e vestiti misero in atto una campagna di marketing che si rivelò molto efficace. Forse senza rendersene conto hanno promosso un silente rimescolamento che ha cambiato le abitudini degli esseri umani. 

Da allora infatti, le madri di tutto il mondo, o almeno quelle che se lo potevano permettere, hanno iniziato a vestire i bambini con due nuances di colori diversi. Con il conseguente doppio investimento dovuto al non-riciclo degli abiti della sorellina per il fratellino neonato.

Questo è solo un esempio, quasi innocuo, del vero potere della comunicazione e dei media. In pochi anni sono state cambiate le carte in tavola e oggi, mia madre, è convita di aver, "sempre pensato" che il rosa e l'azzurro fossero indicativi del sesso.

Ma non è vero! Non vorrei scomodare il "bipensiero orwelliano" ma: "Avete mai visto una Madonna di rosa vestita?". La ricerca su Google l'ho già fatta io. Ce ne sono pochissime, il blu e l'azzurro sono i colori della Madonna.

E le Camicie Rosse di Garibaldi? Provate a pensare di che colore potessero essere dopo qualche mese di uso continuo, magari al sole. Considerando che il colorante rosso, fosse anche di origini naturali, dubito che potessero essere di un bel carminio splendente, molto probabilmente erano proprio... rosa!

E così nella storia, il rosso è sempre stato un colore maschile. Il rosso sbiadito idem, fino a pochi anni fa  nessuno si sarebbe mai sognato di buttare un capo di abbigliamento scolorito. ZARA non vestiva gli illuministi e nemmeno i nazisti. Che invece, a sorpresa, marchiavano con un triangolo rosa i prigionieri accusati di omosessualità. 



Ora sono certo che non siano stati loro a dare il "la" alla moda del rosa per le femminucce ma un pò la cosa, mi fa pensar male.

Il colore azzurro, il colore del cielo e della purezza è sempre stato più adatto all'animo gentile femminile; in forte opposizione al "sanguinario" rosso, colore esuberante e forte, da sempre associato all'animo maschile, anche se un po' scolorito e tendente al rosa.


Perchè ho voluto scrivere questo pippone sui colori? Beh, prima di tutto per mia memoria, così quando sarò più rincoglionito di come sono adesso, potrò ricordarmi per cosa mi sono battuto qualche anno prima.

In secondo luogo per dimostrare il mio distacco dai simboli che generano differenza di genere.

Last but not least... per dimostrare come un ricordo possa essere modificato, grazie alla narrativa del marketing, che in pochissimo tempo è riuscita a convincere mia madre a vestirmi di blu.

Quali altri ricordi sono stati sottratti e sostituiti con altri? Credo molti ma i miei due Torèt, oggi, raccontano solo questa storia.

Grazie per essere arrivati fin qui!


Lp



Post popolari

Il TG3 Piemonte a The Others - Intervista a Leo Poldo

Una Bella soddisfazione, il TG3 Piemonte oggi alle 14.00 ha mandato in onda l'intervista che ha come protagonista l'opera "Sangue di Torino". L'istallazione, realizzata nel 2018, è formata da un Torèt interamente ricoperto di foglia d'oro da cui sgorga un liquido blu, profumato.  Mentre il blu è dato da un innocente colorante alimentare, il profumo è " Malafemmena " frutto della ricerca dell'amico artista Marco Todaro, l'ideatore di Arpège Opera e  Casa Arpège .

Installazione temporanea al Ristorante Solferino (Torino)

Oggi sono stati installati all'interno del Ristorante Solferino a Torino alcuni Torèt in esposizione temporanea. Inutile dirlo, questi due stanno davvero bene assieme... Torèt in foglia d’oro (vero). Qui c’è un video sulla sua realizzazione. Eccoli qui, due pezzi davvero complessi per via della loro realizzazione. Un’opera intera entra in forno, si cuoce due o tre volte volte attorno ai 1000° e via. Un pezzo rotto deve essere: A, rotto… B, ricomposto. C, incollato D, rinforzato E, ritoccato con l’oro lustro. F, cotto nuovamente a 720°… …ma il risultato è davvero affascinante!  Perchè l’oro? La tecnica è il Kintsugi di cui tanto parlano in rete artisti e… psicologi veri e non.  Qui  e  qui  ci sono alcuni link che spiegano la storia e il senso di questa tecnica.  Per me il Kintsugi è un memento a tutte le stupidaggini che ho fatto in passato e che oggi fanno parte di me, nel bene e nel male. Le mie cicatrici? Eccole qui.  Questo è “Tattoo” uno dei miei pezzi preferiti, ci potete ve

Torino Oggi e il Torèt di ADACI Piemonte

Torino Oggi pubblica un bell'articolo sul Torèt installato presso la sede dell'  ADACI Piemonte   sita a Torino in via Rosolino Pilo 62. Link all'articolo  

Torèt in foglia oro e argento

 

Installazione "Sangue di Torino"

 

The Others 2021

Grazie alla collaborazione con l'artista scrittore "tree hugger" Osvaldo Neirotti (Go Art Factory), quest'anno parteciperò a "THE OTHERS 2021" che si terrà nel padiglione 3 di Torino Esposizioni, all'interno del parco del Valentino. L'evento si svolgerà dal 4 al 7 Novembre. ORARI DI APERTURA Giovedì 04 Novembre | 16.00 – 23.00 Venerdì 05 Novembre | 16.00 – 23.00 Sabato 06 Novembre | 16.00 – 23.00 Domenica 07 Novembre | 11.00 – 20.00 BIGLIETTI Intero 7 Ridotto 5 (Studenti universitari under 26 – Ragazzi 10/18 anni – Accompagnatore Disabili – Possessori Torino + Piemonte Contemporary Card) I biglietti d’ingresso sono acquistabili in loco durante l’orario di apertura della manifestazione e online su  Vivaticket Acquista qui il tuo biglietto

Nella galleria più piccola di Torino c'è un Torèt che dorme

Da martedì 18 gennaio e fino all'8 febbraio, un Torèt "dormiente" sarà visibile ai visitatori dei Dock Dora a Torino in via Valprato 68. Proprio all'interno della celebre struttura di inizio '900 è presente una piccolissima galleria, forse la più minuta del mondo che ogni mese presenta un nuovo artista e dal 18 sarà la volta di Leo Poldo. L'artista Leo Poldo è il nome d'arte dello scultore che ai Docks Torino Dora dà vita ai Torèt colorati. Nel suo atelier si vedono forni per ceramica, computer, macchine a controllo numerico, laser, macchine per la lavorazione del legno e del ferro, stampi per gesso, cemento e ogni genere di utensile a mano. Tutte le macchine sono rigorosamente auto-costruite, dall’elettronica in su. Da qualche anno, la ceramica nella sua accezione più artistica, la maiolica, è il driver che ha stravolto la creazione dei Torèt.  Il Torèt geografico e la collaborazione con IGC Realizzato in ceramica smaltata secondo l’antica tecnica della m

Installata nella sede di Actiongroup l'opera iconica dell'artista torinese che interpreta la nostra filosofia aziendale

La sede della società  Actiongroup Srl   è un bel posto. Piacevole nelle dimensioni e nei tagli degli ambienti creati da progettisti degni del loro nome. L'uso massiccio del vetro riprende il carattere della popolazione, piacevole e sincera. Uno di questi abitanti è il dott. Alberto Carpinetti che ha voluto regalare a questo luogo un "oggetto", una riproduzione del Torèt, la tipica fontana torinese, realizzata in maiolica. Qui il link all'articolo sul sito di Actiongroup Srl.

Paratissima 2019

Galleria fotografica di Paratissima 2019  

Wall Istagram